Frosinone-Napoli: pagelle di Milano Partenopea

Ospina: voto 6. Non particolarmente chiamato in causa oggi. Blocca solo qualche pallone e rischia di farsi male, spinto da un avversario, quando sta per raccoglierne uno sul fondo.

Malcuit: voto 6. Stavolta spinge in maniera più convincente sulla fascia, talvolta scontrandosi addirittura con Callejon. Raramente, anche quando potrebbe, se la sente di tirare in porta.

Koulibaly: voto 6,5. Commette solo un errore clamoroso, ma poi diventa il solito muro invalicabile. Quando può, senza esagerare, dà inizio alle manovre d’attacco.

Luperto: voto 6,5. Il leccese dimostra sempre più di essere una valida alternativa. Impeccabile, non si lascia mai andare al leziosismo, ma bada al sodo. Un campione di praticità.

Ghoulam: voto 6. Fa una partita senza macchie né in fase difensiva, dove opera qualche bella diagonale, né in fase offensiva, dove qualche palla interessante pure la mette. Si spera di recuperarlo pienamente per la prossima stagione.

Zielinski: voto 6. Il compito che gli chiede Ancelotti sembra dispendioso e difficile: a pagarne le conseguenze sicuramente le sue progressioni. Chissà se il tecnico di Reggiolo rivedrà qualcosa in futuro.

Ruiz: voto 6. Anche lui spende non poche energie là in mezzo, ma oggi fa girare bene il reparto. Ancora un po’ troppo macchinoso in certi frangenti e, con squadre più ciniche, sarebbe disastroso.

Younes: voto 7. Non sono amante di statistiche, ma suppongo che abbia maturato una media spaventosa in termini di goal in minuti giocati. A prescindere, oggi ha fatto tutto benissimo svariando su tutto il fronte d’attacco e sfoderando velocità e dribbling da capogiro, soprattutto per i difensori ciociari. Insomma un buon auspicio per il futuro suo e del Napoli.

Mertens: voto 7. Oggi ha preso in mano l’attacco. Con una punizione raggiunge, per numero di goal, il nostro Dio, corre e dà la carica agli altri, rimanendo esterrefatto di fronte alla protesta ultras finale.

Milik: voto 6. Anche lui si sacrifica per la squadra. Spesso lo si è visto quasi a centrocampo a recuperare palloni o a fare a sportellate per conquistare qualche palla aerea. E’ andato poco al tiro però: ed è un limite per un bomber come lui.

Callejon: voto 6,5. Solita grinta, solita corsa, solito sudore a bagnare una maglia poi rifiutata dai tifosi per i motivi prima citati: ci rimane male, ma sicuramente poi avrà in qualche modo capito ed accettato. La sfida personale con i pali purtroppo la perde: numeri da record anche in questo. Recupererà presto…

Albiol: s.v. Gli diamo un nuovo benvenuto…

Verdi: s.v.

Ounas: s.v.

Ancelotti: voto 6,5. Non è facile dare motivazione agli atleti quando effettivamente gli stimoli vengono meno, regge bene il subbuglio extracalcistico presente e sembra sia l’unico a voler essere sincero con i tifosi riguardo alla politica societaria. Mieterà comunque qualche successo? Attendiamo con fiducia…

www.milanopartenopea.it

Comments

comments