Inter-Napoli: pagelle del Professore Milanese

Meret: 5,5. Se sul primo goal nulla può, forse sul secondo parte un tantino in ritardo. Un po’ di insicurezza sulle uscite e nelle giocate di piede.

Hysaj: 5,5. Molta imprecisione nei passaggi e ritardi negli interventi difensivi: su quella fascia un mezzo disastro.

Maksimovic: 6. Il serbo se la cava contro Sanchez e compagni: bene nel gioco aereo, discreto nei disimpegni palla al piede, un po’ strapazzato dagli avversari nel finale.

Koulibaly: 6. Contro l’osso duro Lukaku esce tuttavia indenne, forse un po’ in ritardo nella copertura sul primo goal.

Mario Rui: 5. Da un suo errore in uscita viene propiziato il primo goal. Tenta tanto caparbiamente quanto inutilmente più volte il tiro dalla distanza, forse per rifarsi, con risultati che…lasciamo perdere.

Demme: 5. Per carità, corre fino alla fine del suo match, ma finisce per essere poco lucido su passaggi e recuperi: non può concedere così facilmente il tiro a Lautaro…

Zielinski: 6,5. Forse il migliore in campo. Corsa, grinta e concretezza nei suggerimenti e nel tiro che solo Handanovic può respingere. Ormai insostituibile in quella zona del campo.

Elmas: 6,5. Altra nota positiva della serata. Il turco corre, ma con criterio, ha i tempi giusti in fase di appoggio e negli inserimenti. Epica quella serpentina che si conclude con un tiro che, se non leggermente deviato, avrebbe avuto altra sorte.

Politano: 5,5. Anche a lui non manca la volontà, ma di lucidità poca. Scarsa precisione nei passaggi e nel tiro.

Insigne: 7. Sì, per il sottoscritto il capitano è il migliore. La sua classe cristallina mette perennemente in crisi la retroguardia nerazzurra. Affonda sempre con successo il dribbling, elegante e preciso nell’assistenza ai compagni, sfortunato nelle conclusioni deviate sempre quel poco per mancare il bersaglio. Non avrei mai fischiato quel rigore, ma quanti gomiti meno larghi di recente sono stati puniti con il penalty?

Milik: 4. Non si può giocare sempre in 10 con il polacco in campo: semplicemente irritante per una professionalità ormai pari allo zero. Irritante per un pubblico che lo ha sempre sostenuto e per una società che lo ha sempre aspettato dopo due terribili infortuni.

Ghoulam: 6. Altra nota positiva: l’algerino entra e sembra brioso. Corsa e piedi sempre pronti a mettere interessanti cross.

Allan: s.v.

Lozano: 6. Pochi minuti, ma si capisce che il messicano va sfruttato a partita in corso e sulla fascia destra: servono le maniere forti per fermarlo. Servirebbe però un po’ più di precisione nel passaggio finale.

Callejon: s.v.

Malcuit: s.v. Non posso esimermi dal bentornato. Auguro un radioso futuro a questo ragazzo.

Gattuso: 5,5. In dieci giorni dovrà lavorare sulla concentrazione. Se proprio non si può ovviare alle uscite palla al piede dalla difesa, ne servirà tanta. Sulla perseveranza nello schierare quel 99 ormai altrove con la testa, non so trovare spiegazioni.

www.milanopartenopea.it 

Comments

comments

Pin It on Pinterest