Napoli-Juventus: pagelle del Professore

Meret: 8. Il voto è legittimamente alto. In ordine, entra a sorpresa tra i titolari. Su Ronaldo, in uscita, sembra Superman. Poi evita per altre due volte che la Juve rovini la festa.

Di Lorenzo: 6. L’esterno toscano fa abbastanza bene il suo compito sia quando si riallinea agli altri tre dietro che quando avanza, oggi di meno, in tandem con Politano.

Rrhamani: 7. L’ex Verona comincia a carburare e a dimostrare che certi svarioni sono ricordi ormai passati. Bravo nel gioco aereo (Chiellini rischia di renderlo orbo da un occhio), si disimpegna bene negli anticipi e nelle impostazioni da dietro.

Maksimovic: 6,5. Anche il serbo sembra un vero difensore oggi: sempre attento, si fa valere nelle palle alte e chiude i varchi che si possono aprire.

Rui: 6. I suoi kilometri li percorre come sempre, ma in diverse circostanze si palesa la modestia tecnica e l’imprecisione in fase d’appoggio.

Bakayoko: 6. Oggi leggermente meglio, ma l’autonomia rimane la medesima: dopo i 60 minuti va in riserva, la lentezza raggiunge livelli critici come la lucidità nelle giocate, anche ddddquelle semplici. 

Zielinski: 6. Il suo ruolo in campo lo porta a spendere numerose energie: questo porta il mister a sostituirlo con  Elmas (6) che dà un po’ di dinamismo in più, anche al limite dell’area bianconera.

Politano: 6, 5. Dimostra continuità di rendimento: fa tanto movimento sulla fascia, supera in più circostanze il diretto avversario ed in qualche caso tenta il tiro. Stanco, viene sostituito da Ruiz (6) che tenta di dare un po’ più ordine tra il centro e la treqquarti.

Lozano: 7,5. Eccedo sicuramente, ma solo il fatto di rimanere in campo infortunato e compiere anche un rinvio “dolorosissimo” rende l’eccesso più che giustificato. Stasera oltre alla solita prestazione positiva, anche un cuore grandissimo.

Insigne: 7. Finalmente il goal numero 100, eppure chissà quanta tensione su quel dischetto che qualche tempo prima aveva determinato copiose lacrime a rigare quel viso da scugnizzo dal quale stasera sorgevano sorrisi infiniti come il sole e tanto amore, per la moglie in primis, per la maglia poi.

Osimhen: 5,5. Tanta la voglia, ma la condizione ancora non aiuta il nigeriano che stasera ha potuto solo fare pressing sui difensori bianconeri senza risultati apprezzabili. Va aspettato Victor, questo è sicuro. Lo sostituisce Petagna (s.v.)

Gattuso: 7. Strano davvero questo sport. Ci sarebbero stati tutti gli ingredienti per un sipario finale, ed invece…Rino avrà sicuramente saputo responsabilizzare i suoi, molti dei quali seconde linee, e dare le direttive giuste ad una squadra apparsa quasi sempre compatta ed ordinata. Il cuore messo in campo dagli azzurri si è palesato in quell’abbraccio finale che va oltre il periodo nero che stiamo vivendo. Ecco, a chi scrive basta anche solo questo cuore, ma in ogni partita…

www.milanopartenopea.it

Comments

comments

Pin It on Pinterest